Sito Ufficiale del Comune di Umbertide

Salta ai contenuti
Sito Ufficiale del Comune di Abbiategrasso
sei in: 
HOME | Comunicazioni | Un aiuto concreto dal Comune per le famiglie fragili

Comunicazioni

Un aiuto concreto dal Comune per le famiglie fragili

Aperto un avviso pubblico per la concessione di contributi ai nuclei famigliari in difficoltà economica

conferenza stampa avviso pubblico per la sperimentazione di un sostegno alle famiglie in difficoltà economica

ABBIATEGRASSO – Un ulteriore aiuto concreto alle famiglie con particolari condizioni di fragilità, ai nuclei con tre figli e alle madri sole: lo mette in campo il Comune di Abbiategrasso attraverso una modalità operativa sperimentale, pensata per incontrare le esigenze di chi non è utente abituale dei servizi sociali, ma si trova in una condizione di bisogno dovuta alle attuali criticità lavorative ed economiche.

Il bando vuole, infatti, sostenere la progettualità e la responsabilizzazione della famiglia, che valuterà in autonomia come indirizzare il contributo offerto dal Comune all’interno di un progetto condiviso con gli operatori del settore Servizi alla persona.

Possono chiedere l’assegnazione del contributo i nuclei familiari residenti in Abbiategrasso con almeno tre figli (di cui almeno uno in età scolare), oppure le donne sole in stato di gravidanza o con un bambino di età inferiore all’anno. Inoltre, i richiedenti devono essere disoccupati, in mobilità, in cassa integrazione oppure lavorare con un contratto di solidarietà. Il reddito Isee per l’anno 2009 non deve superare i 18mila euro. L’assegnazione del contributo avverrà secondo una graduatoria: il punteggio verrà attribuito in base alla composizione del nucleo familiare, all’indice di fragilità (che considera eventuali disabilità e altre condizioni particolari) e al reddito.

La modulistica e il bando completo, con tutte le informazioni e i requisiti necessari per partecipare, sono disponibili all’ufficio servizi sociali in via San Carlo 23/C e all’ufficio Relazioni con il Pubblico “Punto in Comune” in piazza Marconi 3.

La domanda deve essere presentata entro venerdì 14 maggio all’ufficio Servizi Sociali nella sede municipale di via San Carlo 23/C, aperto al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12 e il lunedì anche al pomeriggio dalle 15 alle 17, tel. 02/94692509. È possibile consegnare la documentazione anche all’ufficio Relazioni con il Pubblico “Punto in Comune” in piazza Marconi 3, aperto al pubblico lunedì, martedì e giovedì dalle 9 alle 17, mercoledì dalle 10 alle 19 e venerdì dalle 8 alle 13, tel. 02-9469.215/261/290, e-mail urp@comune.abbiategrasso.mi.it Qui è possibile rivolgersi anche per chiarimenti e per ricevere un aiuto nella compilazione della domanda.

conferenza stampa di presentazione avviso pubblico per la sperimentazione di un sostegno alle famiglie in difficoltà economica

“La persona e la famiglia sono sempre al centro delle azioni e dei progetti dell’Amministrazione Comunale - osserva il sindaco Roberto Albetti – e questo bando risponde alle esigenze rilevate sul nostro territorio, che non è stato certo risparmiato dalla crisi economica internazionale. Da tempo quindi stiamo cercando di offrire soluzioni sia dal lato occupazionale, come per il caso della Mivar, sia per quanto riguarda il sostegno economico e sociale. Un’attenzione alla quale si aggiunge l’impegno del Piano di Governo del Territorio nel favorire le condizioni per il rilancio economico, attraverso la realizzazione di nuove attività produttive.”

“Si tratta di un aiuto concreto per le famiglie in difficoltà – commenta l’assessore alle Politiche sociali Marco Garzetti – in particolare per i nuclei che di norma non hanno i requisiti per accedere ai servizi sociali, ma che in questo momento di crisi manifestano necessità e bisogni importanti. Questo impegno si affianca inoltre a quanto già abbiamo fatto nel corso del 2009, attraverso il Fondo di Solidarietà.”

Nel 2009 il Fondo di Solidarietà attuato dal Comune di Abbiategrasso ha elargito più di 270mila euro in risposta ai diversi tipi di bisogni manifestati dall’utenza, ai quali vanno ad aggiungersi i 30mila euro stanziati per questo bando. L’importo medio erogato per ogni utente durante lo scorso anno è stato di circa 1900 euro, ripartito tra voucher alimentari, canoni di locazione per alloggi, pagamento di utenze domestiche e di servizi comunali come asilo nido, refezione scolastica e trasporto alunni.

Servizio Comunicazione Istituzionale